ginnastica posturale1

RIEDUCAZIONE VESTIBOLARE

La rieducazione vestibolare è una terapia fisica finalizzata a recuperare una completa efficienza del sistema dell’equilibrio in soggetti con deficit funzionale stabilizzato.
I candidati alla riabilitazione sono tutti quei pazienti affetti da vertigine cronica da de compensazione o da mancato o parziale compenso di labirintopatie mono o bilaterali, e disequilibrio in pazienti con patologie del sistema nervoso centrale e periferico. Alcuni pazienti fanno di tutto per evitare la posizione che scatena la vertigine e questo non solo perpetua la vertigine, ma modifica la postura del soggetto: la RIV ha quindi come scopo primario quello di superare l’avversione del paziente verso alcuni movimenti che provocano malessere e necessita dell’assistenza del personale medico e tecnico.
La RIV migliora la stabilità posturale e dello sguardo migliorando la percezione soggettiva dei pazienti sia con problemi vestibolari (periferici) sia delle strutture del sistema nervoso collegate all’equilibrio (centrali).
La RIV induce il compenso della funzione dell’equilibrio, avvalendosi di tecniche di adattamento, di sostituzione recettoriale, e in casi particolari di tecniche di abitudine.
Le strategie adattative sono le uniche ad agire sul guadagno del riflesso deficitario permettendogli di riprendere appieno la propria funzionalità. Le strategie sostitutive non possono reintegrare completamente una funzione labirintica diminuita o persa poiché i recettori e i riflessi vicarianti, per quanto esaltati, agiscono in un campo frequenziale più limitato rispetto a quelli labirintici.
L’abitudine è finalizzata ad eliminare i fastidi conseguenti alla lesione funzionale.
La RIV clinica si avvale principalmente di tecniche atte a migliorare il guadagno del riflesso vestibolo-oculomotore (VOR) e il controllo dell’andatura.
La RIV strumentale integra i protocolli clinici mediante l’utilizzo di apparecchiature dedicate alla riabilitazione vestibolare. Le tecniche di RV strumentale si avvalgono principalmente di meccanismi (pedane oscillanti) per il controllo delle oscillazioni posturali e di tecniche di adattamento del guadagno del VOR.
La terapia di riabilitazione dell’equilibrio viene eseguita in una idonea palestra attrezzata con l’ausilio di terapisti della riabilitazione altamente specializzati. I protocolli impiegati sono essenzialmente basati su tecniche di adattamento e sostituzione (le più efficaci), personalizzati secondo le specifiche esigenze di ogni singolo paziente.
In sintesi possiamo affermare che gli obiettivi della Rieducazione Vestibolare sono: migliorare l’acuità visiva durante i movimenti rapidi della testa; migliorare l’equilibrio del paziente, la deambulazione e l’esecuzione di compiti dinamici; migliorare le condizioni fisiche generali; ridurre l’isolamento sociale; ridurre l’handicap e le disabilità correlate al disequilibrio; migliorare la qualità della vita; migliorare l’abilità nelle attività quotidiane.
Le cause più frequenti di vertigini croniche da deficit labirintico monolaterale sono:

  • vertigine parossistica posizionale
  • infarto labirintico
  • labirintite erpetica
  • fistola perilinfatica
  • malattia di Meniere monolaterale stabilizzata
  • neuronite vestibolare
  • labirintite batterica da otite media
  • neurinoma dell’acustico
  • neurectomia per malattia di Meniere
  • stapedotomia per otosclerosi

Le cause più frequenti di vertigini croniche da deficit labirintico bilaterale sono:

  • patologie ereditarie
  • forme tossiche farmacologiche
  • presbiastasia
  • da disuso
  • chinetosi

Le cause più frequenti di vertigini centrali sono:

  • esito di meningiti
  • post-traumatiche
  • esito ischemie
  • oncologiche
  • sclerosi multipla
  • correlate ad epilessia od a cefalea
  • morbo di Parkinson
  • atassia cerebellare
  • neuropatie periferiche
  • esiti cerebropatia vascolare cronica
×

logo testoPagamento rateizzato senza spese e senza costi.
Guarda come funziona!